martedì 3 luglio 2012

DOPO 40 ANNI DI MATRIMONIO SCOPRO IL TRADIMENTO DI MIO MARITO

halem Età: 60
Dopo 40 anni di matrimonio scopro con una telefonata notturna che mio marito ha una storia.40 anni basati sull'assoluta sicurezza reciproca entrambi dediti al lavoro ed a crescere due figli ormai grandi e laureati. Io ho sempre rispettato l'impegno, lui da quasi due anni continua un rapporto: ha perso la testa, raggiunti i 60 anni ha cominciato a sostenere che ormai la vita è spesa, gli anni avanzano, e quindi ha ceduto ad una quarantenne piuttosto bella (e interessata economicamente con un figlio da far crescere e per il quale occorre la presenza di un padre..) Io mi sono sempre tenuta,non dimostro l'età,ecc. Lui mi riconosce molte qualità, che sono non paragonabile all'altra (leggera e disponibile)sostiene che sono una bella donna, che non c'entrano le rughe, che mi vuole bene ( e che è innamorato) di due donne. Assume atteggiamenti del tutto diversi, che vanno dal non considerarmi, arrivare regolarmente tardi a casa (21 30/22 00) con la scusa in parte vera del lavoro) ad altri di affetto, ma l'aspetto fisico è del tutto tramontato ed io mischio rabbia gelosia umiliazione e a volte anche pena per lui che non riesce a staccarsi. Comunque è inaccettabile continuare a stare in due scarpe: ne conviene e dice che deciderà, ma... andrò da un avvocato per tutelarmi, visto che la situazione patrimoniale è importante e lui ha il coltello dalla parte del manico :case intestate, ditta..) Cosa debbo fare? Finora ho resistito per salvare la famiglia alla quale teniamo tutti e due e so che buttandolo fuori farei il suo gioco.Chi mi dà un consiglio? Grazie!!

18 commenti:

sabina ha detto...

ciao...mi viene da dirle ciao perchè ci troviamo sulla stessa barca!Ho 41 anni e proprio in questo periodo un anno fa ho scoperto che mio marito mi tradiva. Squallido il modo in cui l'ho scoperto lui si era addormentato sul letto con L'ALTRO cellulare vicino a sè....Ho letto gli sms e lì è caduto il mondo ed è finito tutto...ad un anno di distanza il dolore è come allora o forse ancora di più. Non ti dico le bugie le prese in giro le risate da parte sua...era diventato più ovvio e semplice rientrare alle 2 di notte e lei che mi è entrata in casa e si è fatta passare per consolatrice e poi ho scoperto che era lei. Ho due bambini di tre e sette anni e non mi è piaciuto il fatto che abbiano visto la depressione della loro mamma. Sono andata avanti rimanendo me stessa...non l'ho tradito avrei potuto farlo anch'io ma l'ho mandato via di casa perchè il dolore era insopportabile e dato che lui mi diceva che non mi amava più ho iniziato una causa di separazione...Lui non lo so che è successo forse si è svegliato ma ora è qui con noi...BOOOh chissà perchè? Non è semplice no non lo è tu ami una persona, limiti te stessa per lui senza rimproverarlo e lui....è tutto ovvio e fattibile. mia madre però mi è stata di aiuto anche lei tradita da mio padre ora è con lui insieme si aiutano e si sostengono...vorrei continuare con te a discorrere...

Anonimo ha detto...

Vorrei scrivere qualcosa di diverso dal solito, io ho visto i miei per 54 anni amarsi rispettarsi, l'anno scorso è morto mio Padre dopo una lunga malattia, che io e mia Madre abbiamo seguito, e anche dopo la sua scomparsa ciò che trovavo in giro erano solo testimonianze di Amrore di loro due. Dico questo per dare un minimo di fiducia, per dire esistono coppie belle, fedeli, il problema è l'esempio per assurdo che ho davanti. Anxhe io cerco una storia di Amore, fatta di rispetto, rispetto che in tuo marito è cmpletamente venuto meno, e per coaa? Vorrei dirti qualche cosa che ti aiutasse a togliere l'amarezza che hai dentro, ma solo nella tua onestà la puoi trovare, lui ... Non vorrei essere nei suoi panni quando gli ormoni cesseranno la ola, e lui farà i cnti cn se stesso.

Anonimo ha detto...

non capisco il tuo ruolo nella quotidianità ti preoccupi del conto in banca che può scendere o del rispetto che dovresti esigere? guarda non vorrei essere aggressiva ma come fai a pensare di resistere per il bene della famiglia quando famiglia non è visto che è mentalmente assente che sfoga i suoi desideri altrove che pensa a crescere il figlio di un'altra ecc. ecc.io penso che se non tiri fuori le unghia questo bell'imbusto ha la licenza per continuare la sua schifosa doppia vita e tu ne sarai complice ma è mai possibile che nel 2012 le donne devono ancora subire? pensi che se fosse capitato a te ti avrebbe riservato lo stesso trattamento ?non credo proprio prova a chiederglielo sicuramente ti dirà si perchè nel corso della vita dopo tanti anni può capitare.... ma figurati una pedata ti avrebbe dato anche perchè economicamente lui a tuo dire è il più forte scusa la crudeltà ma volevo risvegliarti un attimo e farti capire che certi uomini devono essere presi a pedate no essere capiti organizza la tua vita lontano e senza lui se vuoi vivere ancora con un pò di serenità auguri


un'anonima

Anonimo ha detto...

spolpalo economicamente
non si merita altro

Anonimo ha detto...

Cara Halem, non conta l'eta. Hai detto di avere 60 anni e 40 anni di matrimonio e nonostante tu sia migliore dell'altra lui ti ha tradita lo stesso. ti capisco perfettamente. sono ormai 10 anni che mio marito mi tradisce e sono ormai 10 anni che non ha il coraggio di cambiare. all'inizio quando lo scoprii andai dall'avvocato, ero furiosa, e non sto qui certo a dirti come mi sentivo perche credo che anche tu lo hai provato. ma poi in tutti questi anni ho scoperto che lei , che quella, e' solamente un suo modo di uscire dalla solita quotidianeita. io sono la realta, l'abitudine, la reasponsabilita ( e con me anche i miei bambini) , il punto di riferimento, la famiglia, la moglie....lei e' lillusione, il sogno , il desiderio. si sa che piu una cosa non ce l'hai e piu la desideri. beh mio marito e' fatto cosi: una volta che ottiene quello che vuole poi non lo considera piu. lo stesso vale per le cose che compra. l'altra e' la sua fantasia io sono la realta. in tutti questi anni avrebbe potuto andarsene con lei e lei, tra i loro prendi e molla, lei single, lei aspetta ancora perche innamorata certo. ma lui non ha ancora fatto il suo passo e non lo fara mai. gli uomini sono codardi, lo sai e preferiscono la botte piena e la moglie ubriaca. so per certo che finche non decidero io di andarmene lui non lo fara mai. ama troppo la sua famiglia, noi. se fosse un marito insoddisfatto, menefreghista, sarei la prima a ritornare dall'avvocato. ma quando e' con me e' semplicemente un bravo marito e non mi fa mancare nulla, nemmeno sotto l'aspetto sentimentale. ecco perche so per certo che il problema di mio marito e' una doppia personalita. se anche il tuo in tutti questi anni ti ha sempre e comunque trattato come la sua unica donna allora poniti la domanda se e' giusto mollare tutto .... io ho ancora due bimbi piccoli e non ho nessuna intenzione di sfasciare la mia famiglia. ci tengo troppo a quello che ho costruiti che abbiamo costruito insieme. e non dite che sono io una codarda. chi non ha mai provato non puo certo capire. io capiro se tu vorrai di nuovo stare con tuo marito. ma fammi sapere se tu sei riuscita a cambiare. un grande augurio per tutto. Florida

Anonimo ha detto...

Ho passato la stessa storia. Lo ho perdonato e con difficoltá é tornato ad essere padre di famiglia. Con il senno di poi, se potessi tornare indietro la cosa piú giusta sarebbe stato buttarlo fuori all'istante (è molto difficile quando si é ancora innamorati del proprio marito), e sicuramente dopo due tre mesi si sarebbe accorto cosa vuol dire famiglia e gli tornerebbero in mente tutti gli anni passati insieme, tornerebbe come un cane bastonato chiedendo di perdonarlo. Solo cosí avresti la sicurezza al 99% che é pentito e realmente non vuole buttare via la vita costruita insieme a te.

Anonimo ha detto...

se ti interessa del suo conto fai il suo gioco .Fatti mantenere e divertiti anche tu tanto la vita bisogna prenderla come viene

Anonimo ha detto...

Ciao, ho letto la tua storia , penso che tanti anni condivisi lascino inevitabilmente sempre qualche traccia di vissuto se non altro i figli e la vita passata a seguire gli stessi programmi e valori in nome della famiglia.Quando i figli sono grandi e magari già sposati a sua volta, allora non si ha nemmeno l'opportunità di dirsi che si perdona per mantenere unita la famiglia da crescere, se si è economicamente autonomi nemmeno, se si ama ancora poco nemmeno. Arrivo al dunque,essere traditi in sostanza ferisce l'orgoglio, mina la propia autostima, e tutto il resto che ci fa rimanere comunque indecisi sulla decisione da prendere sono pensieri e attenuanti per scappare da noi. è vero che la parte economica ha un peso,ma dipende che peso ha rispetto al nostro orgoglioferito, è tutto molto soggettivo credimi. ci sono donne che affrontano situazioni al limite della sopportazione pur di non passare su se stesse.Io, per assurdo quando mi sono trovata nella condizione di tradita non avevo attenuanti per dirmi che dovevo pensare alla famiglia o pensare al mantenimento di figli o trovarmi una casa; mi sono trovata senza grandi ostacoli da affrontare ma solo riflessioni sul sentimento che mi aveva legato a mio marito per 30 anni. Niente componenti che potessero in un certo modo rimandare o giustificare la decisione si separarmi. Io lui e la vita.Non ti racconto l'iter della scoperta e nemmeno dell'altra donna, più o meno queste storie si assomigliano tutte.........Mi sento didirti che ho fatto un lungo percorso sostenuta da una terapeuta non per decidere cosa è meglio subito,(il tutto e subito non sempre risolve)ma per ricompattare me stessa, riprendermi l'oroglio di persona e donna, l'identità che con un trauma da tradimento vacilla....é stata dura.Concentrarsi su se stessi,riprendere il lavoro e crearsi alternative all'esterno per non rimanere nel proprio dolore testardamente è stato più difficile che chiudere la porta dimenticandolo per sempre. Non ho dato peso alle sue scuse (assurde ed infantili), nemmeno all'alternanza di atteggiamenti che aveva.......passava dall'indifferenza alla rabbia, dall''incomprensione al rifiuto, dal pensiero dell'altra che leggevo nei suoi occhi al dichiararmi l'importanza di 30 passati insieme. Tutti i giorni senza decidere, senza dare soddisfazione e giustizia a me stessa perchè capivo che la mia sofferenza mi aveva resa troppo fragile rispetto a lui! Ho lasciato passare circa 16 mesi concentrata su me stessa senza pensare a lui, al torto, a quanto è stato egoista. Il pensiero costante è stato non sono io che ho torteggiato per cui non sono io a dover essere in una condizione di disagio, di dubbi, di poca autostima....ma è l'ALTRO che deve prendersi tutta la zavorra di sofferenza, delusioni,decisioni ecc.....Chi agisce non correttamente si prende le sue responsabilità e non scarica il barile........Oggi non mi pongo domande, vivo molto serena, ho avuto soddisfazioni sia nel lavoro che nel campo delle amicizie, con lui è cambiato radicalmente il modo di rapportarci........è come se ci fossimo incontrati dopo l'evento "tradimento". Ti garantisco che sono riuscita a rimandargli il pacchetto della "zavorra del tradimento", è lui ora che ha paura di perdermi, è lui che ora è fragile,è lui che ha i mille dubbi se è giusto andare avanti o meno, se anch' io lo potrei tradire nel medesimo modo e con la stessa leggerezza. Ora io cerco di mantenere un buon equilibrio di coppia, con la reciprocità dovuta e l'affetto e l'amore che ci ha sempre uniti per 30 anni non dimenticando però MAI che io esisto non solo come moglie, mamma dei miei figli, lavoratrice ecc...ma esisto in quanto me stessa a 360 gradi. Spero di averti passato qualche imput..........ciao e concentrati su te stessa.

Anonimo ha detto...

Sono d accordo con anonima. ..organizza la tua vita senza un uomo che sottovaluta il valore della famiglia. e proprio perche ha 60 anni ne dovrebbe capire ancora di piu il valore. x quanto riguarda l amica 40enne di suo marito..che vada a lavorare x crescere il figlio dimostrando di essere Donna con laD maiuscola.

Anonimo ha detto...

Come si fa a concentrarsi su se stessi se tutto l'essere è esageratamente preso dal dolore di un tradimento? Io sto vivendo, nella disperazione più grande, una storia simile. Ho 60 anni, un marito di 72 che ha intrattenuto per un anno una relazione con una donna della sua medesima età. La scoperta a settembre dello scorso anno attraverso degli SMS. Impossibile descrivere il dolore che mi dilania ancora oggi. Un marito sempre presente, dolce, attento, degno di fiducia,40 anni di vita assieme che non avrebbe mai fatto pensare a ciò che mi è successo.Ci considerano tutti una coppia "sui generis", da invidiare. Intuite che siamo ancora assieme. Sono diventata un poliziotto, ho affrontato questa nonna sia telefonicamente che di persona. La sua risposta candida è mi sono innamorata di suo marito. Lui per stare con lei si è inventato di tutto, ed io fiduciosa ( impegnata nel lavoro) non nutrivo alcun dubbio. Andavano in macchina a fare dei viaggi in giornata, a pranzo fuori, qualche cena, il sesso aveva una parte importante nei loro incontri, Evidentemente la signora era digiuna da anni in quanto lasciata dal marito e probabilmente ha saputo ammaliarlo. So solo che la scoperta mi ha sorpresa come un fulmine a ciel sereno. La sofferenza è stata atroce e la vivo ancora come tale dopo molti mesi.Non riesco a concentrarmi su nulla. Lui mi continua a ripetere che è successo ma che non ne aveva assolutamente l'intenzione e che comunque è finita. Io sono sicura che loro si sentono anche se non si vedono perché lui sostiene che voleva essere solo una amicizia che a me non toglieva niente. Non riesco a superare il tradimento della fiducia incondizionata, mi sono trasformata in 007 sempre alla ricerca di indizi, vivo una vita di allerta continua e sto non male, di più. Adesso lui sta sempre in casa con me ed io non vivo più. Non ce la faccio a lasciarlo perché sono mio malgrado una donna innamorata. Ma non so come uscire da questa storia che ha imprigionato tutti i miei sensi. Sono una donna ancora molto giovanile e piacente e avevo tanti interessi ma adesso non riesco a concentrarmi in nulla. Aiutatemi

Anonimo ha detto...

bsera,, vi racconto la mia storia.. dopo 37 anni di matrimonio.. coppi unita perfetta,, sempre insieme.. 2 anni fa mio marito aiuto un tipo in un agriturismo...e rientrava tardi la sera. una volta kiuso la stagione ..agriturismo chiuse,,,, ma lui kontinua uscire ancora tt le sere fino a tardi.. inizio litigi,, urla,, vabbè penso forse e nervoso x qlc cosa,, un giorno le chiesi cosa hai visto ke esci tt le sere e a me quasi più nn mi consideri,, lui rispose ,, esco x farmi i c...i miei.. sbatte la porta ee esce............ da quella sera lui nn dorme nel mio letto. oamai separati in casa,,,.poi un giorno scopre 2 ricariche di cellulari che io nn conosco... allora kiamo kol pvt.. e risponde la voce di mio marito (ehi' amo' risponde e kiude) x poko nn svenivo,,,,rifaccio il numero pvt,, in compagnia di un amika mia ,,, mi dice l amica mia e la sua voce ,, faccio l altro numero,, e rispose una voce di donna ciao ciao e kiude,, quindi qst 2 numeri li usano loro x comunicare ok..........poi kiamo operatore e kiudo.. ke qst numero era intestato ad un mio amiko... ma mi rispose no e intestato ad una donna rumena,,, e mi disse il nome,, ora so ki e le.. il problema e ke devo fare ora? sapere dove vive qst e beccarli insieme?

Anonimo ha detto...

cosa devo fare,, grz mari

Anonimo ha detto...

non lasciarlo finchè i bambini sono piccoli ma intanto esci di casa e guardati attorno

Anonimo ha detto...

esci di casa e guardati attorno non lasciarlo ancora

Anonimo60 ha detto...

Quanta tristezza vera c'è nei commenti che avete lasciato, quante relazioni risultano spezzate da persone insospettabili..... Ebbene io potenzialmente sono un uomo che sta rischiando di far saltare 25 anni di felice matrimonio, un insospettabile. Io mi sto ancora chiedendo il perché , perché voglio avere anche un'altra relazione, visto che mia moglie dice di amarmi, e sicuramente lo pensa. A molti tutto ciò può sembrare strano ma l'unica spiegazione che mi sono dato è che la mia crisi è iniziata proprio perché non mi sentivo Amato, cercato da mia moglie. Avevo bisogno di essere al centro di qualcuno che mi cercasse, si anche sessualmente, e così ho iniziato a frequentare una donna della mia stessa età e anche se vi sembrerà strano non voglio lasciare mia moglie non voglio farla soffrire, e questa mia decisione fa ben soffrire tre presone, ed io sono nel bel mezzo, e non so proprio più che fare, se parlo con mia moglie mi sembra di tradire la mia "amante" se parlo con la mia amante mi sembra di tradire mia moglie. Insomma una situazione paradossale, che mi porta a non vivere serenamente. Non sò se ciò capita perché si ė giunti ad una età (55 anni) un pó balorda, un età in cui vogliamo fare ciò non abbiamo fatto per una vita, un età dopo la quale ci si spegne, o almeno lo penso. Provo un senso di paura a staccare del tutto la spina dalla persona che ho incontrato e alla quale confido ogni mio stato di ansia , ho paura pur sapendo che la cosa non è pulita non è corretta .... Sono triste

Anonimo ha detto...

Ci vuole tempo....solo il tempo aiuta a superare il dolore del tradimento..anche se mai sparira il ricordo.

Anonimo ha detto...

Come ti capisco sono 5 anni che vivo così e muoio ogni giorno di più facendo finta.lui dice che è un amica-ha 20 meno di lui ed è single

Anonimo ha detto...

Cosa dire? È una grande viltà mentire.